Missione Cristiana 153

La Scala di Pietro

La Mente di Cristo

(2^ parte)

1^ Corinzi 2:16 

Infatti chi ha conosciuto la mente del Signore per poterlo ammaestrare?

Or noi abbiamo la mente di Cristo.

C’è una questione primaria e fondamentale che dobbiamo affrontare, non siamo noi che dobbiamo scegliere quale «pensiero seminare» cosa dire e cosa fare, ma dobbiamo attingere alla mente di Cristo.

Perché se pensiamo cose sbagliate, diremo e faremo cose sbagliate e otterremo risultati sbagliati.

Abbiamo permesso agli altri ed anche a noi stessi, di seminare pensieri sbagliati, empi e iniqui, cioè contrari alla mente di Cristo, perciò dobbiamo lavorare con forza per estirpare la mala erba dalla nostra mente e seminarci buoni pensieri.

Dobbiamo stare attenti e tenere lontani i bugiardi, i disonesti, gli empi, i peccatori, gli schernitori e i beffardi.

Perché se vogliamo raccogliere buoni pensieri, dobbiamo seminare e coltivare buoni pensieri.

Ci saranno sicuramente delle aree della nostra mente da bonificare, prima dobbiamo estirpare, poi piantare di nuovo, il raccolto sarà nella misura e nella qualità di quello che piantiamo.

Niente paure, nessuno si misuri col suo passato,

il passato è passato,

il presente è Cristo!

2^ Corinzi 5:17

Se dunque uno è in Cristo,

egli è una nuova creatura;

le cose vecchie sono passate;

ecco, tutte le cose sono diventate nuove.

Semina un PENSIERO di Cristo nella tua mente!

Voglio avere la mente di Cristo!

Geremia 6:19

Ascolta o terra!

Ecco, io farò venire su questo popolo una calamità,

il frutto stesso dei loro pensieri,

perché non hanno prestato attenzione alle mie parole

e neppure alla mia Torah, ma l’hanno rigettata.

Se i nostri pensieri non sono in linea con quelli del nostro Signore Gesù Cristo, saranno sicuramente pensieri sbagliati e produrranno azioni e conseguenze sbagliate o per meglio dire sciagurate.

Salmo 94:11

YHWH conosce i pensieri dell’uomo

e sa che sono vani.

Salmo 139:17

Oh, quanto mi sono preziosi i tuoi pensieri o DIO!

Quanto grande è l’intero loro numero!

Isaia 55:8-9

«Poiché i miei pensieri

non sono i vostri pensieri

le vostre vie sono le mie vie»,

dice YHWH.

9) «Come i cieli sono più alti della terra,

così le mie vie sono più alte delle vostre vie

e i miei pensieri più alti dei vostri pensieri».

Il Signore conosce e sa che i nostri pensieri sono vani, per questo ci esorta ad essere ubbidienti alla Torah e sottomessi al Suo Spirito per conoscere la benedizione.

Raccogli così un’AZIONE di Cristo

Semina un’AZIONE di Cristo

1° Cronache 29:16-18

O YHWH, DIO nostro, tutta questa abbondanza di cose che abbiamo preparato per costruire un tempio a te, al tuo santo nome, viene dalla tua mano, è tutto tuo.

17) lo so o mio DIO, che tu provi il cuore e ti compiaci della rettitudine.

Perciò nella rettitudine del mio cuore ti ho offerto spontaneamente tutte queste cose, e ora vedo con gioia il tuo popolo, che è qui presente fare le sue offerte spontaneamente.

18) Oh YHWH DIO di Abrahamo, di Isacco e di Israele, nostri padri, mantieni sempre queste disposizioni e pensieri nel cuore del tuo popolo e dirigi i loro cuori verso di te;

Non esiste parzialità presso Dio!

Tutti gli uomini possono vivere nella benedizione, seguendo i Suoi insegnamenti, spiegati nella Torah/Legge e vissuti per mezzo del Vangelo di Gesù Cristo.

Romani 2:11-15

Giacché non esiste parzialità presso Dio.

12) Infatti quanti peccarono senza Torah, senza Torah anche muoiono!

E quanti si resero colpevoli contro la Torah, a motivo della Torah saranno condannati!

13) Infatti non gli uditori della Torah sono giusti presso Dio, ma gli operatori della Torah saranno reputati giusti.

14) Infatti quando i gentili, che non hanno la Torah, mettono in pratica le cose della Torah, costoro pur non avendo la Torah sono Torah a se stessi; 

15) questi dimostrano che l’opera della Torah è scritta nei loro cuori per la testimonianza che rende la loro coscienza, e perché i loro pensieri si scusano o anche si accusano a vicenda (gli uni gli altri),

16) nel giorno in cui Dio giudicherà i segreti degli uomini per mezzo di Gesù Cristo, secondo il mio vangelo.

Seminare i pensieri di Cristo nella nostra mente,

significa combattere «l’io» e «il mio»!

Raccogli così un’ABITUDINE di Cristo

Semina un’ABITUDINE di Cristo

Romani 12:16

Benedite quelli che vi perseguitano,

benedite e non maledite,

15) gioite con chi gioisce, piangete con chi piange.

16) Abbiate gli stessi pensieri gli uni verso gli altri!

Nello stesso modo vivete tra di voi!

Non abbiate in mente le cose della carne/del mondo

ma accompagnatevi agli umili.

Non fatevi intelligenti da voi stessi.

Romani 15:5

Ora il Dio della pazienza e della consolazione

vi dia di avere gli uni verso gli altri gli stessi pensieri,

secondo Cristo Gesù,

Raccogli così il CARATTERE di Cristo

Semina il CARATTERE di Cristo

Filippesi 3:13-16

Fratelli, non ritengo di avere già ottenuto il premio, ma faccio una cosa: dimenticando le cose che stanno dietro e protendendomi verso le cose che stanno davanti,

14) proseguo il corso verso la meta verso il premio della suprema vocazione di Dio in Cristo Gesù.

15) Quanti siamo perfetti, abbiamo dunque questi pensieri; e se voi pensate altrimenti in qualche cosa, Dio vi rivelerà anche questo.

16) Ma al punto in cui siamo arrivati, camminiamo secondo la stessa regola di condotta in pieno accordo.

Isaia 55:10-11

Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere annaffiato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, in modo da dare il seme al seminatore e pane da mangiare,

11) così sarà la mia Parola, uscita dalla mia bocca: essa non ritornerà a me a vuoto, senza avere compiuto ciò che desidero e realizzato pienamente ciò per cui l’ho mandata.

Raccogli il Suo DESTINO

Romani 8:29-30

Poiché quelli che ha preconosciuto,

li ha anche predestinati

ad essere conformi all’immagine del suo Figlio

affinché egli fosse il primogenito fra molti fratelli!

30) E quelli che ha predestinati, li ha pure chiamati!

E quelli che ha chiamati, li ha pure giustificati!

Quindi quelli che ha giustificati, li ha pure glorificati.

Efesini 1:5

avendoci predestinati

ad essere adottati come figli suoi

per mezzo di Gesù Cristo

secondo il beneplacito della sua volontà,

Efesini 1:11

In lui siamo anche stati scelti per un’eredità,

essendo predestinati

secondo il proponimento di colui che opera su tutte le cose

secondo il consiglio della sua volontà,

Impariamo dal nostro Signore

«Yeshua haMashiah mi Nazareth»

Ad avere la Sua mente!

Questa meditazione è stato fatta al meglio della mia conoscenza attuale della Parola di Dio, perciò può essere soggetta a modifiche.

La scala di Pietro

«Come Comportarsi»

« INVITO INVITO »

A tutti i credenti che hanno il desiderio di conoscere il modello della:

«Chiesa originale di Gesù Cristo, nata a Gerusalemme»

vista dallo studio su: «Atti 2:41-47» consultatelo insieme agli approfondimenti, informatevi, fate domande direttamente sulle pagine stesse del sito, chiedete, commentate, sarà un conoscersi passo→ passo→ verso la vera Chiesa, aspettiamo il vostro contributo.


«inviateci una e-mail ed entrate in contatto con noi»


Che la grazia del Signor nostro Gesù Cristo sia con tutti voi.

«Regole per chi Commenta»

3 commenti
  1. MASSIMO FUSI
    MASSIMO FUSI dice:

    2^ Pietro 1:2
    «Grazia a voi e pace vi siano moltiplicate nella conoscenza esperienziale di Dio e di Gesù che è nostro Signore».
    Leggendo questo versetto la domanda che ci dobbiamo porre è questa: cosa dobbiamo fare affinché la grazia e la pace ci siano moltiplicate nella conoscenza esperienziale di YESHUA?
    La risposta sta scritta in Geremia 6:19 “Ascolta, o terra! Ecco, io farò venire su questo popolo una calamità, il frutto stesso dei loro pensieri, perché non hanno prestato attenzione alle mie parole e neppure alla mia legge, ma l’hanno rigettata”.
    Infatti se il nostro vivere quotidiano manifesta un comportamento opposto a quanto afferma il Signore per bocca del profeta Geremia e cioè se amiamo osservare e mettere in pratica la Torah ed ascoltare le Sue parole per mezzo della preghiera allora la conseguenza sarà avere i pensieri di YESHUA che sono descritti in maniera esemplare in Filippesi 4:8 “Quanto al rimanente, fratelli, tutte le cose che sono veraci, tutte le cose che sono oneste, tutte le cose che sono giuste, tutte le cose che sono pure, tutte le cose che sono amabili, tutte le cose che sono di buona fama, se vi è qualche virtù e se vi è qualche lode, pensate a queste cose”.

  2. Filippo
    Filippo dice:

    Il passo di 1° Cronache 29 ci insegna la disposizione di cuore, le azioni da seminare rivolte all’opera di Dio.
    Al suo progetto. Perché questo tipo di azioni sono il meglio per noi.
    Ma mi trovo a scegliere regolarmente cose che non hanno valore al posto di quelle che invece ne hanno.
    Perché lo faccio? Perché mi trovo in situazioni in cui credo di non poter fare altrimenti.
    Cominciamo a pensare alle soluzioni. Cosa devo pensare?
    Devo pensare alle cose di Dio, metterci la testa, studiare su come metterle in pratica.
    La cosa clamorosa è che a volte vediamo le cose di Dio come un peso quando in realtà sono la nostra libertà e la nostra vittoria.
    Perché non siamo stati creati per avere in testa i piccoli affanni quotidiani, ma le meravigliose cose di Dio.

    Colossesi 1:1-3
    Se dunque siete risuscitati con Cristo, cercate le cose di lassù, dove Cristo (come Corpo) è seduto alla destra di Dio.
    Abbiate in mente le cose di lassù, non quelle che sono sulla terra, perché voi siete morti e la vostra vita è nascosta con Cristo in Dio.

    Non si tratta di quindi vivere un vita in sofferenza.
    Il morire è il lasciare i pensieri della carne per cose migliori.
    Se non entro in questi pensieri non ho capito di cosa stiamo parlando.
    Shalom.

  3. Paolo Niccolai
    Paolo Niccolai dice:

    Pace.
    Cambiare la propria mente, cambiare il proprio modo di pensare, di agire, che ci caratterizza e contraddistingue, credo sia il passo più difficile da compiere per diventare veri cristiani, perché cambiare la propria mente per acquisire la mente di Cristo riguarda la volontà di ubbidire ed essere sottomessi a tutto ciò che è scritto.
    Tutti i giorni devo combattere contro l’IO e MIO, contro quei pensieri che fanno parte della carne e non dello Spirito.
    Ma è bene ricordare che, come ci esorta a fare Paolo nelle sue lettere, noi non combattiamo contro la carne.
    2^ Corinzi 10:3-5 Infatti anche se camminiamo nella carne, non guerreggiamo secondo la carne, perché le armi della nostra guerra non sono carnali, ma potenti in Dio a distruggere le fortezze affinché distruggiamo le argomentazioni ed ogni altezza che si eleva contro la conoscenza di Dio e rendiamo sottomesso ogni pensiero all’ubbidienza di Cristo.
    Shalom a tutti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *